L’alba del giorno dopo [Tarlo e Bancone]

Il tarlo dell’alba gli era proprio insopportabile. Le premonizioni non facevano per lui, anche se la sua esistenza era tutta una inconsapevole premonizione. Eppure in quel preciso istante, nell’attimo in cui si vedeva riflesso nello specchio del bancone del bar, lui si sentì premorto, come i cibi precotti appena estratti dal forno microonde. E finalmente capì. Capì quanto fosse inutile perdersi nell’inutilità dell’altro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...