Il mio tulipano nero [Stetoscopio e Tulipano]

Lui era bianco quella sera, in quel letto d’ospedale, più del lenzuolo che lo copriva appena. Il medico lasciò penzolare al collo lo stetoscopio, e si girò lentamente a fissarmi con quello sguardo che difficilmente potrò dimenticare.
Lui, il mio tulipano nero, mi stava per lasciare. Per sempre. In quel cesso di letto d’ospedale. Con quel medico, donna, che cercava il mio sguardo. Perso oltre la finestra. Oltre la siepe. Oltre il mio essere uomo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...