Parigi di luglio [Ramen e Abelmosco]

Ci arrivo con il fiatone. Guardo lo swatch: un quarto dopo mezzanotte. Il ramen sushi mi arriva in gola, con il sapore acido della salsa di soia.
Deglutisco, mentre mi appoggio a questa porta in noce di un monsieur che non so bene chi cazzo sia, che sapeva di abelmosco muschiato, conosciuto qualche ora prima in un ristorante giapponese in Rue de la Ferronnerie, durante un diluvio estivo, in cerca di…
Ma chissenefrega, in fondo è questo quello che voglio. E suono il campanello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...