Eppure era così

Sentiva quella voce dentro da molto tempo ormai, da riuscire a ignorarla. Inizialmente era qualcosa di impercettibile, una specie di fastidio che lo prendeva ogni tanto, e ogni tanto lo abbandonava. Ultimamente, però, quella voce si era fatta insistente; luce e tormenta fuori. L’avvertiva talmente forte da arrivare a volte a soffocare per non sentirla più respirargli dentro.

Così, in una giornata di fine primavera, girando per quelle vie del centro offuscate dall’imbrunire, si ritrovò davanti a quella statua per caso, convinto che a portarlo lì fosse stata la voce stessa. A un tratto intorno a lui scese un silenzio pressoché assoluto. E anche la voce smise di gracchiare. Ogni cosa si era fermata. E in quel silenzio carico d’attesa, all’improvviso, capì ch’era arrivato il suo momento. E stramazzò a terra; tra la forte puzza di pipì di gatto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...