Anch’io avrò forse un mio Dio…

Cammino da tre ore fissando il marciapiede, alla ricerca di qualcosa che non so ma che ho smarrito, in quest’alba congelata dalla nebbia, in una Milano ormai non più da bere. Alla fine mi abbandono su una delle panchine di questo parco, dietro un’ombra che mi offusca anche l’anima. Vorrei pregare, ci provo, ma non riesco. Mi dico “anch’io avrò forse un mio Dio”, in fondo ce n’è uno per tutti. Per tirarci su, per farci stare meglio quando tutto va affanculo, quando abbiamo perso persino il senso inevitabile della nostra riscossa. Ma poi chiudo gli occhi, e prego di non sognare. Sono stanco di sognare: di te, di noi, di questa fottuta musica. E finalmente entro nel buio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...