Non riusciranno a clonarmi

Esco che è sera tardi. Appeso all’attaccapanni vicino alla porta di casa, noto il soprabito beige di mio padre. Mi rendo conto di come sia difficile andare d’accordo con uno che indossa un soprabito, e beige oltretutto. Infilo al volo il mio bomber nero, e sbatto la porta.
Mi piace farmi notare, mi piacciono queste uscite un po’ teatrali, anzi tolgo il po’. Scendo le scale di corsa, e intanto mi sono già infilato tra le labbra la “rossa”, ma come sempre mi manca d’accendere.

Dare un senso alla mia vita? Uno qualsiasi, pur di andare avanti e sentire qualcosa capace di farmi aprire gli occhi, e non stare a letto tutto il giorno. Cazzo, fare a meno di uno scopo, anche minimo. Senza un fottutissimo minimo scopo, ecco come vorrei vivere. Benché già questa cosa manda affanculo tutto quanto, e allora che senso avrebbe la ricerca di un senso nell’assenza di senso?

Vabbè, lascio stare. Entro in birreria che è meglio. Guardo le solite facce, niente di nuovo oltre il bancone. Le solite facce pallide alla ricerca appunto di quell’isola che non c’è. Mi chiedo se tutte quelle facce hanno senso di esistere su quei corpi clonati oppure se anch’esse si sono svegliate, come me, in piena notte con quell’unico desiderio. Quello di andarmene e staccarmi da un corpo stropicciato, verso vite sconosciute, senza sapere dove sono diretto, senza sapere dove il tempo mi sta portando, o forse sì!
Mi volto e sono solo, nudo sulla cima di un accumulo di sacchi d’immondizia neri. Ecco ora sì, ci sono!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...