Cinema gay | 2

> Cinema gay | 1   > Cinema gay | 3

 


Clandestinos – Film scritto e diretto da Antonio Hens (2008, Spagna)

Tre ragazzi emigrati in Spagna scappano dal riformatorio. Uno di loro si scopre gay quando si innamora di un terrorista dell’ETA. Il film mixa due argomenti scottanti, come l’omosessualità e il terrorismo. Presentato al Festival del Cinema Gay di Madrid, oltre che al New York LGBT Film Festival.


El chico de la puerta de al lado — scritto e diretto da Gregor Schmidinger (2008)

Questo corto del giovane regista austriaco Gregor Schmidinger affronta in modo composto l’amicizia tra un adulto e un bambino. Mark è un escort che soffre di attacchi di ansia. Chiuso nella camera d’albergo, in attesa del cliente, viene colto di sorpresa a letto dal figlio di questo; un bambino solo, emotivo e tormentato da incubi ricorrenti, alla ricerca della figura del padre. Tra i due nasce una tenera amicizia che porterà entrambi a ritrovare se stessi.


33 Teeth — scritto e diretto da Austinite Evan Roberts (2011)

Davvero ironico e meritevole questo gay short film del giovane regista Austinite Evan Roberts – prossimo alla laurea in cinematografia presso l’Università del Texas – che ha ricevuto il premio per il miglior corto LGBT al City Short Film Festival di New York nel settembre 2011.


Al buio — scritto da Josella Porto e Fabio Mollo, diretto da Fabio Mollo (2005)

Due fratelli e il loro rapporto incestuoso; è il soggetto di questo gay short film tutto italiano realizzato dal Centro Sperimentale di Cinematografia – Scuola Nazionale di Cinema nell’ambito del laboratorio diretto da Paolo Sorrentino.


Lo que quiero de ti — scritto e diretto da Miguel Lafuente (2012)

Miglior film straniero al Vampire Film Festival di Los Angeles, questo cortometraggio gay del regista spagnolo Miguel Lafuente, prodotto dalla Parandroid Films, è una storia d’amore e di ossessioni che si conclude con la battuta finale del protagonista: “E lui voleva la mia vita… ma io ho preso il suo posto.”


En Cualquier Momento — diretto da Alan García  (2013)

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...